infoverona.it :: Attenti agli antibiotici, campagna regionale di informazione
Attenti agli antibiotici, campagna regionale di informazione
Scritto da red2   
marted́, 14 novembre 2017 00:05
Gli antibiotici sono medicine preziose, ma vanno assunte con prudenza e seguendo attentamente le prescrizioni del medico. Il “fai da te” con il quale molte persone tendono ad approcciarsi ai medicinali, antibiotici compresi, è dannoso e può essere pericoloso. 
E’ questo il messaggio che lancia la Regione del Veneto, aderendo alla Settimana Mondiale di Sensibilizzazione sugli antibiotici che inizia oggi e che, il 18 novembre, avrà un focus continentale con la Giornata Europea degli Antibiotici.
“In tutto il mondo, e anche nel Veneto – fa notare l’Assessore alla Sanità Luca Coletto – negli ultimi anni è stato notato un notevole incremento della farmacoresistenza determinata dall’eccesiva assunzione di antibiotici. E’ un problema di comportamento individuale, che porta ad assumere tali farmaci fuori dal controllo medico e per patologie che non ne hanno bisogno, ma è anche una situazione che va monitorata e controllata anche nelle strutture assistenziali pubbliche. In questi ultimi anni – aggiunge – in tutti gli ospedali per acuti sono in atto sorveglianze specifiche e misure di controllo, ma ora è necessario intensificare queste attività in altre realtà assistenziali, come la Residenze Sanitarie Assistite e le Case di Riposo. Non a caso abbiamo inserito un Programma specifico all’interno del Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018”.
Il Programma, dal titolo “Promozione di politiche per i corretto uso dell’antibiotico e per il controllo dell’antibiotico resistenza in strutture assistenziali e in comunità”, è in piena fase di realizzazione, e si compone di cinque diverse “Azioni”.
Si va dalla raccolta e dalla disponibilità di dati a livello di Ullss e della Regione; al monitoraggio dello stato attuale dei sistemi di sorveglianza e controllo delle infezioni per diversi tipi di struttura sanitaria; alla produzione di un report annuale che documenti il consumo di antibiotici sul territorio e in ospedale (nel 2016 sono stati raccolti i dati da Ulss pilota, tra fine 2017 e il 2018 arriverà il primo report); Promozione di sistema di Sorveglianza condivisi e confrontabili a livello regionale e nazionale; definizione di un programma di comunicazione e informazione rivolto alla popolazione e di una campagna informativa interna rivolta agli operatori sanitari, farmacisti e medici di base. In questo senso, giornate formative sono state organizzate nel 2016, nel 2017, e lo saranno anche nel 2018.