WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB

Ambiente, sabato l'ora della Terra
Scritto da red2   
mercoledì, 22 marzo 2017 23:07
Anche quest’anno il Comune di Verona, in collaborazione con AGSM, aderisce all’iniziativa del WWF ‘Earth Hour – L’ora della Terra’, per attirare l’attenzione della popolazione sui cambiamenti climatici. Per l’occasione sabato 25 marzo dalle 20.30 alle 21.30, sarà spenta l’illuminazione dell'Arena. 
“Iniziative di sensibilizzazione come questa - dichiara l’Assessore all’Ambiente Enrico Toffali - sono certamente positive poiché contribuiscono a mantenere alta l’attenzione e ad aumentare la consapevolezza nella popolazione e nelle istituzioni nei confronti della necessità di adottare, anche nelle scelte quotidiane, soluzioni e stili di vita orientati al rispetto dell’ambiente, per contribuire al contenimento del riscaldamento globale e alla salvaguardia del patrimonio naturale.”
‘L’ora della Terra’ è la grande mobilitazione globale del WWF che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, unisce cittadini, istituzione e imprese in una comune volontà nella lotta al cambiamento climatico.
Attività musicali e danzanti animeranno la piazza illuminata dalle candele. In attesa dello spegnimento dell’Arena, la piazza sarà animata dai giovani del Laboratorio di Musica d’insieme, classe seconda del Liceo Musicale “C. Montanari” di Verona, diretto da Giuseppe Schiavone. Alle 21, all’inizio di via Mazzini, si darà il via ad una serata danzante a cura della Scuola di Tango Argentino di Verona “Clandestino Tango Club”. L’Associazione WWF sarà presente con una postazione per la distribuzione di materiale informativo.
L’Amministrazione invita a partecipare alla manifestazione e ad aderire alla campagna comunicando la propria scelta sostenibile scrivendo al WWF tramite e-mail Questo indirizzo di e-mail è protetto dai bots spam , serve che Javascript sia abilitato per poterlo vedere o sul profilo Facebook del WWF Verona - www.facebook.com/wwf.verona  
Inquinamento aria, a Verona criticità 1
Scritto da red2   
mercoledì, 22 marzo 2017 23:06
Le condizioni di forte stabilità atmosferica della settimana appena trascorsa, senza precipitazioni e venti significativi, hanno portato al ristagno degli inquinanti e all’accumulo delle concentrazioni di PM10 che, come ha reso noto Arpav, nella giornata di lunedì 20 marzo hanno raggiunto il livello di criticità 1 nell’agglomerato di Verona, per il 7° giorno consecutivo di superamento del valore limite giornaliero (pari a 50 µg/mc) alla centralina del Cason.
Le previsioni indicano che nei prossimi giorni precipitazioni sulle zone centro-settentrionali e temporanei moderati rinforzi dei venti porteranno alla dispersione delle polveri sottili, le cui concentrazioni potranno riportarsi su valori inferiori al valore limite giornaliero soprattutto giovedì.
Si ricordano i comportamenti che è necessario adottare per limitare l’esposizione al PM10 e contenerne le emissioni: concentrare le attività all’aria aperta nelle prime ore del pomeriggio e distante dai bordi delle strade; aerare le abitazioni in tarda mattinata o nel primo pomeriggio, evitando di lasciare aperte per lungo tempo le finestre la mattina presto o in serata; ridurre l’uso dei veicoli a motore privati utilizzandoli solo per gli spostamenti strettamente necessari, preferendo forme alternative di mobilità più sostenibile, specialmente per brevi tratte; ridurre le ore di funzionamento degli impianti di riscaldamento domestico e ridurre la temperatura massima nei locali; limitare al massimo l’utilizzo di stufe e caminetti alimentati a biomasse (legna, cippato, pellet ecc.) se, nell’edificio, sono presenti altri sistemi di riscaldamento meno inquinanti (metano); nel caso di utilizzo di apparecchi a legna minimizzare le emissioni derivanti dalla combustione, attraverso l’utilizzo consapevole dell’impianto: bruciare solo legna secca, non bruciare altri materiali, verificare l’efficace e corretta conduzione della combustione affinché sia la più completa possibile. Verificare la pulizia delle canne fumarie delle stufe e l’esecuzione della manutenzione degli impianti termici; non bruciare sfalci, potature ed altri residui agricoli: all’aperto le condizioni di combustione non ottimali provocano, ancora di più, la formazione di polveri e altri composti tossici.
Per ulteriori informazioni sul PM10 è possibile consultare il sito web di Arpav alle seguenti pagine: www.arpa.veneto.it/arpavinforma/bollettini/aria/rete_pm10.php
www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/aria/a-proposito-di-polveri-atmosferiche
Sommacampagna, agricoltore muore schiacciato da trattore
Scritto da red2   
martedì, 21 marzo 2017 22:55
Un incidente mortale si è verificato stamane in un terreno agricolo di Sommacampagna.
Un agricoltore è morto dopo essersi ribaltato con il suo trattore, in un tratto scosceso, restando schiacciato sotto il mezzo pesante. Sul posto sono arrivati i sanitari del 118 con i Vigili del fuoco e i Carabinieri, ma per l'uomo non c'era purtroppo più nulla da fare.
<< Inizio < Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Prossimo > Fine >>

Risultati 5 - 8 di 6858
© 2017 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.