WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB

La Juve straccia il Verona, 6 gol con 4 titolari
Scritto da red2   
giovedì, 15 gennaio 2015 23:34

La Juventus si ‘riappropria’ del suo ‘Stadium, dove anche per la Coppa Italia c’era il pienone grazie ai prezzi stracciati, e ritorna a vincere, anzi a stravincere, dopo tre pareggi, tra campionato e Champions (Atletico Madrid, Sampdoria e Inter):
6-1 negli ottavi sul Verona che ha risparmiato le energie per l’altra sfida ai campioni d’Italia, domenica sera, sempre a Torino.
Con soli quattro titolari (Bonucci, Lichtsteiner, Marchisio e Pogba) i bianconeri hanno giocato 90′ a gran ritmo e hanno divertito i 39 mila spettatori, mandando ko il Verona già nei primi 45′.
Tanta gloria per le ‘seconde linee’: Giovinco ha segnato una doppietta, Pepe si è battuto per 90′ filati con la grinta e l’orgoglio del giocatore che deve dare un colpo di spugna ad anni sfortunati: gli è mancato solo il gol. Avrebbe voluto battere il rigore ma ha tirato Morata, ci ha ritentato senza fortuna fino all’ultimo. Pogba ha deliziato con i soliti tocchi di classe, Marchisio è stato perfetto nell’impostare e nel recuperare palloni, sempre al posto giusto, Coman ha dimostrato un’altra volta che la Juve ha fatto un affarone soffiandolo al Psg.
Insomma, Rafal è stato ‘bombardato’. Allegri ha scelto il 4-3-3 con Morata punta centrale, Pepe a destra, Giovinco a sinistra. Non sono andati neppure in panchina Tevez, Pirlo e Caceres, lasciati a riposo, e Vidal, bloccato dalla tonsillite; tra le temporanee riserve sono finiti Buffon, Chiellini e Llorente.
Nel Verona, che non aveva gran voglia di spendersi, ha brillato solo Nico Lopez e proprio da una sua iniziativa il Verona per poco non ha sorpreso la Juventus, al 2′ pt: Campanharo non ha inquadrato la porta. Vantaggio bianconero con Giovinco nelle vesti di Pirlo: al 6′ ha infilato la prima punizione dal limite avuta dalla Juventus. E’ iniziato lo show bianconero, proseguito da Pereyra, Morata, ancora Giovinco, Pogba e Coman.
Il Verona e tuttavia riuscito a impegnare seriamente due volte Storari, con Campanharo e Nico Lopez, ed a segnare il gol della bandiera, su calcio piazzato. Negli ultimi minuti in cattedra Coman, che ha piazzato un siluro dal limite dell’area nel sette, e Pepe che ha cercato disperatamente la soddisfazione del gol personale.

Sanità veneta, tagli per 240 milioni
Scritto da red2   
giovedì, 15 gennaio 2015 23:18
"Siamo di fronte al delitto perfetto, ad una mazzata alla povera gente che non ha precedenti nella storia da parte di un Governo infido e bugiardo, che ha spergiurato per mesi di non voler tagliare la sanita' ma ora raccoglie il prezzo di un tradimento. Sul Veneto e sui veneti cadranno, se va bene, 240 milioni di mannaia sui fondi dedicati alla salute. E' una dichiarazione di guerra, alla gente anche prima che alle Regioni e come tale, sul piano politico e istituzionale la consideriamo". E' questo il durissimo commento del presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, sugli sviluppi della manovra di tagli ai bilanci delle Regioni inseriti nella legge di stabilita', dei quali si e' discusso oggi in Conferenza dei Presidenti delle Regioni. "Dei costi standard che avrebbero fatto risparmiare 30 miliardi l'anno senza togliere nemmeno un euro alle Regioni virtuose come il Veneto - incalza il Governatore del Veneto - nemmeno l'ombra, e questo anche per il poco coraggio di piu' di una Regione, e cosi' Renzi, questo Robin Hood al contrario che governa da sinistra ma colpisce i poveri cristi, tira dritto nel suo disegno perverso e rovescia letteralmente le tasche della gente, a cominciare dai meno abbienti. Sappiano che gli 80 euro al mese trionfalmente donati qualche mese fa sono gia' svaniti e finiranno in nuove tasse o, forse anche peggio, in minori servizi. Siamo senza parole, ma pronti a reagire duramente nei fatti". "Il Patto Nazionale per la Salute - aggiunge l'assessore alla Sanita' Luca Coletto - non esiste piu' e per noi non e' piu' vincolante. Sulla base di quell'Accordo la sanita' veneta nel 2015 avrebbe dovuto ricevere circa 200 milioni in piu': non sara' cosi', i 200 milioni sono svaniti ed e' venuto fuori un ulteriore taglio di altri 40 milioni. Viene palesemente violata la Costituzione, che all'articolo 32 sancisce l'universalita' delle cure sanitarie con l'obbligo di erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza. Il disegno e' chiaro: far fuori le Regioni a cominciare da quelle virtuose e consegnare l'assistenza sanitaria al sistema delle assicurazioni. Chi puo' paga, e chi non puo', affari suoi. Per dare ai veneti tutta l'assistenza che meritano - conclude Coletto - faremo i salti mortali, ma non siamo davvero mai stati cosi' vicini al punto di non ritorno".
Regionali, inizia il tour della Moretti
Scritto da red2   
giovedì, 15 gennaio 2015 23:17
Alessandra Moretti, candidata del Pd alla presidenza del Veneto, ha presentato oggi il tour che da domani la vedrà impegnata nella campagna elettorale per le regionali 2015, iniziando da Laghi (122 abitanti), il più piccolo comune veneto. Moretti si è detta "orgogliosa" della scelta fatta di dimettermi dal Parlamento europeo con effetto immediato, ed ha annunciato che nella 'lista civica del presidente' "ci saranno anche figure di spicco del volontariato, dello sport, della cultura".
<< Inizio < Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Prossimo > Fine >>

Risultati 25 - 28 di 5671
© 2015 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.