WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB

Teatro amatoriale, tutta la stagione del Camploy
Scritto da red2   
venerdì, 17 ottobre 2014 18:18

E’ stato presentato questa mattina dal consigliere incaricato alla Cultura Antonia Pavesi il calendario della stagione amatoriale 2014-2015 del teatro Camploy. Presenti i rappresentanti delle compagnie teatrali veronesi.
“Dopo i positivi risultati raggiunti quest’estate dalla stagione nei Cortili, non facilitati da una situazione meteorologica particolarmente avversa – spiega Pavesi – si apre per le compagnie amatoriali di Verona una nuova sfida teatrale su uno dei palcoscenici più importanti della città. Anche quest’anno – aggiunge Pavesi – è stato realizzato un cartellone vario e di alta qualità, fitto di appuntamenti, con proposte teatrali già presentate nella stagione estive ed alcune nuove proposte, a dimostrazione dell’importanza che il teatro amatoriale riveste nel panorama artistico e culturale della nostra città”.
La stagione si aprirà con la compagnia GTV Niù che porterà in scena sabato 25 e domenica 26 ottobre “Finale di Partita” di Samuel Beckett. A chiudere la rassegna sarà invece la Compagnia dell’Arca, il 18 ed il 19 aprile, con “Se il tempo fosse un gambero” di Iaia Fiastri e Bernardino Zapponi. Gli spettacoli saranno rappresentati il sabato sera alle 21 e la domenica pomeriggio alle 16.30 e in alcuni casi il giovedì e venerdì sera alle 21. I biglietti potranno essere acquistati direttamente alla biglietteria del teatro prima dello spettacolo. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.comune.verona.it o al teatro Camploy in via Cantarane 32 (045-8009549, 045-8008184).

 

Ventisei le compagnie che si esibiranno al Camploy nella stagione 2014-2015, per un numero complessivo di 52 spettacoli, così distribuiti: sabato 1 e domenica 2 novembre compagnia La Pajeta con “Le domeniche d’agosto (ovvero la trilogia della villeggiatura)” di Carlo Goldoni; sabato 8 e domenica 9 novembre compagnia Teatro Armathan con “L’uomo, la bestia e la virtù” di Luigi Pirandello; sabato 15 e domenica 16 novembre compagnia La Maschera con “Il povero Piero” di Achille Campanile; sabato 22 e domenica 23 novembre compagnia Lavanteatro con “Sala d’aspetto (Scusate il disturbo)” di Fabrizio Piccinato; sabato 29 e domenica 30 novembre compagnia Giorgio Totola con “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare; sabato 6 e domenica 7 dicembre compagnia La Bugia con “Carissima Ruth” di Norman Krasna; sabato 13 e domenica 14 dicembre Tabula Rasa con “Il malato immaginario”, di Moliére; sabato 20 e domenica 21 dicembre compagnia La Formica con “Il mistero d’Alcesti” di Marguerite Yourcenar; sabato 10 e domenica 11 gennaio compagnia Gli Insoliti Noti con “Io 2 figlie e 3 valigie (Oscar)” di Claude Magnier; sabato 17 e domenica 18 gennaio compagnia Einaudi - Galilei con “Trappola per topi” di Agatha Christie; sabato 24 e domenica 25 gennaio compagnia Estravagario con “Cous-cous clan” di Marco Mirandola; giovedì 29 e venerdì 30 gennaio compagnia Ipazia Teatro con “Giuliéta & Romèo” da Berto Barbarani; sabato 31 gennaio e domenica 1 febbraio compagnia La Pocostabile con “Sior Todero Brontolon”di Carlo Goldoni; sabato 7 e domenica 8 febbraio compagnia Renato Simoni con “Le nozze di Figaro” di Pierre Augustin De Beaumarchais; giovedì 12 e venerdì 13 febbraio compagnia Gino Franzi con “Non ti scordar di me” di Stefano Modena; sabato 14 e domenica 15 febbraio compagnia Zeropuntoit con “Gianburrasca” da Vamba; sabato 21 e domenica 22 febbraio compagnia C.M.T. Musical Theatre Company con “Shrek… erato (orco che musical!); sabato 28 febbraio e domenica 1 marzo compagnia Verbavolant con “Le Baccanti” di Euripide; sabato 7 e domenica 8 marzo compagnia Micromega con “I complessi (ovvero tradire aiuta il matrimonio)” di Jean Bernard Lue; giovedì 12 e venerdì 13 marzo compagnia Tiraca con “Ricette d’amore” di Cinzia Berni; sabato 14 e domenica 15 marzo compagnia Modus Vivendi con “Mi te l’avea dito” di Giorgio Tosi e Antonio Menichetti; sabato 21 e domenica 22 marzo compagnia l’Aseni del Borgo con “La grande pera”; sabato 28 e domenica 29 marzo compagnia Soledarte con “U”Macbeth”; sabato 11 e domenica 12 aprile compagnia Trixtragos con “Delitto impossibile”.

65 milioni per interventi su rete idraulica
Scritto da red2   
venerdì, 17 ottobre 2014 18:18
La giunta regionale, su relazione dell’assessore alla difesa del suolo e all’ambiente Maurizio Conte, ha aggiornato la programmazione dell’utilizzo delle risorse stanziate nel bilancio regionale per interventi di manutenzione, sistemazione e per interventi disposti in regime di somma urgenza sulla rete idraulica regionale di competenza delle Sezioni di Bacino Idrografico e sulla rete idraulica minore di competenza dei Consorzi di Bonifica. Complessivamente le risorse, tra regionali e commissariali, ammontano a 65.816.020 euro, nei quali sono stati ricompresi anche i tre milioni di euro assegnati per interventi di somma urgenza per la messa in sicurezza e rispristino dell’area oggetto di esondazione del torrente Lierza e zone limitrofe del 2 agosto scorso.
Le risorse provengono per la maggior parte (42 milioni) dal fondo istituito con il “Piano straordinario degli interventi a seguito dell’emergenza alluvionale del novembre 2010”, predisposto per le gravi situazioni di rischio idrogeologico del territorio regionale e porre in sicurezza argini e opere idrauliche, nonché per realizzare bacini di laminazione delle piene. Per far fronte ai danni causati dall’eccezionale intensità dei fenomeni atmosferici dei mesi di gennaio e febbraio 2014, che hanno interessato buona parte del territorio regionale, la legge finanziaria 2014 ha autorizzato una spesa di 5,5 milioni di euro e altri 3,8 milioni per la realizzazione delle opere previste nel Piano delle azioni ed interventi per la mitigazione del rischio. Infine, 9 milioni provengono da risorse commissariali (ex O.P.C.M. n. 170 del 13 giugno 2014) e 5,5 milioni dal Piano degli interventi approvato dal Dipartimento di Protezione Civile.
Con il nuovo quadro programmatorio, poco meno di 15,5 milioni di euro vanno alle Sezioni Bacino Idrografico (gli ex Geni Civili) per l’attuazione degli Accordi Quadro con cui vengono affidati i lavori di manutenzione ordinaria e di somma urgenza; 18 milioni di euro alle stesse Sezioni Bacino idrografico per la realizzazione del programma di interventi di sistemazione della rete idraulica principale; 3 milioni per fronteggiare l'emergenza causata dagli eccezionali eventi atmosferici del 02/08/2014 nei territori dei Comuni di Refrontolo, Tarzo, Cison di Valmarino e Pieve di Soligo nel territorio trevigiano; 8 milioni di euro per la sistemazione della rete idraulica minore di competenza dei Consorzi di Bonifica; circa 4,5 milioni sono stati destinati alle somme urgenze di competenza delle Sezioni Bacino Idrografico e altri 2 milioni per quelle di competenza dei Consorzi di bonifica; 2,3 milioni per le somme urgenze disposte dai Consorzi di Bonifica a seguito dell’evento alluvionale di gennaio-febbraio; 1,5 milioni al Consorzio di Bonifica Veneto Orientale per la prosecuzione dei lavori di adeguamento funzionale delle opere idrauliche a servizio delle aree urbane dei bacini Bandoquerelle – Palù Grande nel comune di Concordia Sagittaria (Venezia); 1,8 milioni per la copertura delle spese di progettazione per interventi già programmati e finanziati con fondi statali/comunitari e importi radiati dalla contabilità; i restanti 9,3 milioni vanno a coprire le spese per i primi interventi urgenti di protezione civile conseguenti agli eventi atmosferici gennaio-febbraio 2014 e per il ripristino dei danni alle opere idrauliche.
Statale 12, comitato e PD contro Tosi
Scritto da red2   
giovedì, 16 ottobre 2014 23:12
Il COmitato per Ca' di David accusa il sindaco di non avere mantenuto la promessa di vietare il transito ai mezzi pesanti, l'assessore ai trasporti replica, il PD risponde a Corsi rigettando le accuse.
Il botta e risposta inizia la mattina con una nota di Corsi contro i
l Comitato per Ca’ di David in relazione alla mancata attuazione del provvedimento di limitazione del traffico pesante sulla statale 12.“Più che col Sindaco di Verona, il Comitato per Ca’ di David dovrebbe prendersela con i Sindaci di Castel d’Azzano, Buttapietra, Isola della Scala e San Giovanni Lupatoto, ai quali il Comune di Verona ha scritto una prima volta il 26 maggio e una seconda volta, non avendo ricevuto alcuna risposta, il 29 settembre, sollecitando una risposta alla richiesta di installare nei loro territori, a cura e a spese dell’Amministrazione comunale di Verona, la segnaletica di preavviso agli automobilisti del divieto di transito ai mezzi pesanti nelle ore di punta in via Belfiore e via Forte Tomba, sulla statale 12. Se il provvedimento promesso dal Sindaco di Verona (e puntualmente preparato già da alcuni mesi) non è ancora stato attuato, la colpa è dei Sindaci dei Comuni che affacciano sulla statale 12: se non rispondono dando l’autorizzazione ad installare la segnaletica obbligatoria, il Comune di Verona non può dare attuazione al provvedimento di divieto di transito ai mezzi con massa superiore a 3,5 tonnellate, dalle ore 7,30 alle 9 e dalle 17,30 alle 19.
Se la vedano loro, dunque, con il danno di immagine, ma soprattutto con la scarsa qualità della vita dei loro cittadini, dovuta alla loro inadempienza”.
Rispondono subito dopo i 
consiglieri comunali Pd Michele Bertucco e Luigi Ugoli.
Il gruppo consiliare comunale Pd invierà all'assessore alla Viabilità Enrico Corsi l'ennesimo sollecito ufficiale, ma i fatti parlano ormai da soli: nulla di quanto promesso dal Sindaco Tosi in persona il maggio scorso, alla vigilia delle elezioni europee, è stato mantenuto. Il blocco del traffico pesante a Cadidavid che doveva partire ai primi di giugno non sembra più essere all'ordine del giorno di questa amministrazione. Abbiamo potuto verificare che sono state spedite delle lettere ai Comuni contermini, tuttavia non risulta attivata alcuna strategia utile a sbloccare la situazione. E' invece significativo che il giorno prima che il comitato rendesse nota la lettera con cui il Prefetto di Verona aveva dato il suo sostanziale via libera all'iniziativa anche per quanto riguarda i piccoli comuni, gli uffici comunali di Verona, rispondendo ad una richiesta scritta del consigliere Ugoli, affermassero di essere ancora in attesa di risolvere questo nodo. Non sarebbe la prima volta che Verona Sud viene presa in giro con tanta sfacciataggine, è accaduto con le promesse mirabolanti legate al Piano degli Interventi che dovevano portare opere di riqualificazione ma porteranno soltanto nuovo traffico. Ed è accaduto con la Variante alla Statale 12, promessa nel 2007, ripromessa nel 2012 sotto forma di bretellina dell'Ikea della quale oggi non abbiamo più notizia.
<< Inizio < Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Prossimo > Fine >>

Risultati 21 - 24 di 5472
© 2014 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.