WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB

Traffico in tilt, autostrada chiusa per quattro ore
Scritto da red2   
venerdì, 15 maggio 2015 22:29

Traffico in tilt sull’Autostrada A4 tra i caselli di Verona Est e Sommacampagna a causa di un incidente che ha coinvolto un Tir che trasportava farine. L’allarme è scattato poco dopo le 7 di venerdì mattina. Per cause ancora al vaglio della polizia stradale di Verona Sud, il mezzo pesante ha sbandato verso sinistra, toccando lo spartitraffico che delimita i due sensi di marcia e ribaltandosi poi su un lato, poco dopo il casello di Verona Sud in direzione Milano.
Il carico si è rovesciato sull’asfalto, invadendo anche parte della carreggiata opposta. Illeso il conducente del Tir, riuscito a uscire da solo dalla cabina. L’autostrada è stata chiusa nel tratto compreso tra i caselli di Verona Est e Sommacampagna in direzione Milano, con code di circa 4 chilometri. Rallentamenti anche in direzione Venezia. Gli operatori sono rimasti sul posto per recuperare il mezzo con un’autogru e ripulire la sede stradale fin poco dopo le 11, quando la strada è stata riaperta

Hellas smentisce, niente americani nel futuro del Verona
Scritto da red2   
venerdì, 15 maggio 2015 22:25

Il Verona ha smentito le notizie del primo pomeriggio di oggi su una società in vendita ad investitori americani. "La società Hellas Verona FC – il testo del comunicato - smentisce categoricamente le indiscrezioni giornalistiche, pubblicate in data odierna, relative ad una presunta trattativa per la cessione del club. Pertanto, ribadisce che la società Hellas Verona FC non è in vendita e che tali indiscrezioni giornalistiche sono destabilizzanti e prive di fondamento".
In giornata si era infatti diffusa la notizia di un  importante gruppo statunitense che avrebbe presentato un'offerta per acquisire la maggioranza o la totalità delle azioni dell'Hellas.
Alcuni siti internet avevano scritto che la proposta era stata inviata mercoledì via e-mail al presidente Maurizio Setti, parlando anche di un'opportunità per entrare nel mercato italiano e nel business del calcio da parte del gruppo americano.
Senza contare che gli zii d'America avrebbero avuto pronto un piano finanziario per una grande campagna acquisti.
Dopo qualche ora, però, la smentita di Setti.
Vera o falsa che sia la notizia, è senz'altro vero che le incertezze di Setti (vendo sì, vendo no) hanno alimentato ed alimentaranno ancora voci come questa, fino a quanto il presidente non deciderà che fare dell'Hellas.

Il nuovo canile affidato all'Enpa
Scritto da red2   
giovedì, 14 maggio 2015 22:13

E’ stato firmato il contratto tra Comune di Verona ed ENPA - Ente Nazionale Protezione Animali per la gestione del Centro Benessere animale comunale “Fondazione Cani & Gatti - Giorgio e Antonella Fietta”. A sottoscrivere l’accordo l’assessore all’Ambiente Enrico Toffali e la presidente nazionale ENPA Carla Rocchi. Presenti il presidente della sezione veronese Romano Giovannoni e il sovrintendente Francesco Girondini in qualità di presidente della Fondazione dedicata a Giorgio e Antonella Fietta.
La struttura, di proprietà del Comune, è situata in via Barsanti, a ridosso della zona artigianale delle “Binelunghe”, e sarà gestita da ENPA per 5 anni.
Il Centro è destinato ad accogliere i cani abbandonati o smarriti del comprensorio territoriale e i felini non reintroducibili sul territorio, in attesa di essere adottati o non più detenibili presso le abitazioni.
Nella realizzazione della struttura è stata posta particolare attenzione ai temi ambientali e di sostenibilità, con l’impiego di impianti solari fotovoltaici, riscaldamento a pavimento e raffrescamento mediante macchinari a pompa di calore con dispersori in terreno, serbatoi per il recupero delle acque meteoriche e una collinetta perimetrale che contribuirà al contenimento dei rumori.
Soddisfatto per l’aggiudicamento da parte di ENPA l’assessore Toffali “Si tratta dell’epilogo felice di una difficile situazione iniziata lo scorso anno con l’incendio del vecchio canile – ha detto – ora gli animali avranno a disposizione una struttura d’eccellenza nel rispetto delle loro caratteristiche morfologiche e naturali; a loro sarà assicurato un ricovero adeguato, oltre che spazi per il movimento e la possibilità di socializzare con altri soggetti della stessa specie; un ambiente accogliente  e rilassante in cui sono privilegiati gli spazi verdi.”
Nella proposta presentata in sede di gara, ENPA ha posto particolare attenzione alle azioni finalizzate a promuovere le adozioni responsabili, prevedendo la realizzazione di diverse iniziative di comunicazione e sensibilizzazione nei confronti della cittadinanza ed interventi di educazione per la prevenzione dell’abbandono degli animali.
“Oggi si conclude un percorso importante che ha unito le buone pratiche alla sensibilità, la buona amministrazione alle competenze – ha detto il presidente nazionale ENPA Carla Rocchi – ENPA metterà in questa gestione la sua esperienza e le grandi capacità di gestione degli animali e dei rapporti con le altre associazioni, acquisite in tanti anni di lavoro sul campo”. 

ALCUNI DATI SULL’AREA
Con deliberazione di Giunta n. 508 del 28 dicembre 2004, il Comune di Verona, ha stabilito di destinare l'area comunale ubicata in Via Barsanti, a ridosso della zona artigianale delle “Binelunghe” a sede del nuovo rifugio del cane. L’area presenta una superficie nominale complessiva di 20.443 mq: 16.626 mq per l’impianto canile/gattile 3.817 mq ca. per la viabilità di accesso.

ALCUNI DATI SUL FINANZIAMENTO DELL’OPERA
Con determinazioni dirigenziali n. 2427 del 7 giugno 2011 e n. 786 del 24 febbraio 2012 è stato approvato il progetto esecutivo dei lavori per un importo complessivo di 1.924.586 euro.
Il reperimento dei finanziamenti necessari per l’approvazione ed esecuzione dell’opera si è sviluppato in particolare a partire dal 2008, grazie anche all’apporto di Enti pubblici (Ministero della Salute e Regione Veneto) e di privati, oltre che con i fondi comunali.
Euro 475.000  (Fondazione Fietta)
Euro 437.264 (Regione Veneto)
Euro 190.000  (Ministero della Salute)
Euro 24.100 (Contributi di altri privati)
Quota residua (fondi comunali) 

IL RIFUGIO: ZONA CANILE
La zona canile sarà in grado di ospitare almeno 200 cani. La legge regionale prevede almeno 20 mq. a disposizione per ogni cane. Rispetto ai 4.000 mq necessari, la superficie totale a disposizione per l’area canile/gattile sarà di 16.626 mq. Il canile avrà una zona riservata ai cuccioli, ai soggetti ammalati, in periodo di degenza post-operatoria o anziani e a quelli a pelo raso. La zona del canile è protetta da barriera in terreno anti rumore.

 IL RIFUGIO: ZONA GATTILE
Sono previste: zone per gatti sani in attesa di adozione, che potranno girare in area dedicata con struttura di ricovero, in cui i gatti potranno ripararsi in caso di bisogno e in cui verrà somministrato il cibo; zone per gatti portatori di malattie contagiose (leucemia felina, sindrome da immuno deficienza felina) che dovranno vivere forzatamente in una struttura di isolamento, ma che avranno a disposizione un’area di almeno 1000 mq, e che potranno comunque essere adottati, perché tali malattie non sono trasmissibili all’uomo; zone per i gatti in pensione dei privati che hanno momentanee esigenze di affidarli ad una struttura protetta. 

PALAZZINA POLIFUNZIONALE
La funzione amministrativa, assistenziale e di custodia avverrà in una apposita palazzina polifunzionale, realizzata secondo la normativa antisismica e concepita per ridurre al minimo il consumo energetico, grazie anche alla realizzazione di un cappotto esterno di 12 cm e di altri adattamenti finalizzati alla progettazione sostenibile e moderna. La Palazzina ha ottenuto la certificazione CasaClima (mentre stanno proseguendo le attività per la certificazione secondo la procedura ITACA), che non solo classifica l’edificio dal punto di vista energetico-ambientale, ma garantisce la qualità del fabbricato. Le modalità progettuali e le particolari attenzioni poste alla fase realizzativa consentono elevati standard di efficienza energetica e ambientale.
Vi è infine una pensilina/tettoia per il ricovero degli autoveicoli, integrata con 66 moduli fotovoltaici per l’impianto di produzione di energia elettrica con potenza di picco pari a 14,52 kWp. 

SPAZI APERTI
L’area circostante i fabbricati è stata sistemata per la maggior parte con verde piantumato e in parte con pavimento in cemento per i percorsi pedonali.
Per ogni unità di box funzionale sarà realizzata una recinzione perimetrale per la divisione delle aree di sgambamento delle varie unità, rendendole autonome nella gestione di pulizia e di rieducazione.

<< Inizio < Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Prossimo > Fine >>

Risultati 17 - 20 di 5938
© 2015 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.