WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB

Tosi, niente tasse per investitori stranieri
Scritto da red2   
martedì, 21 aprile 2015 23:03
Flavio Tosi, candidato alle prossime elezioni regionali del Veneto, propone "zone franche, quindi senza tasse, per chi viene dall'estero a investire nel nostro territorio e dunque crea migliaia di posti di lavoro". Il sindaco di Verona ha lanciato la sua proposta stamattina durante il convegno "Idee e programmi per il Veneto 2015/2020", nel vicentino. "A chi dice che il sistema non reggerebbe rispondo che, al contrario, avremmo minore spesa sociale e piu' soldi in tasca da spendere. Si creerebbe un effetto domino positivo su tutta l'economia", ha aggiunto prima di toccare diversi punti del proprio programma elettorale che, a giorni, sara' ufficializzato. Tosi ha parlato della volonta' di creare una Regione delle Tre Venezie: "e' un percorso previsto dall'articolo 132 della Costituzione. Non stiamo parlando di idee o di proposte demagogiche, ma di formare realmente un territorio ricco e davvero autonomo, almeno in buona parte, rispetto allo Stato centrale". Tosi ha poi sottolineato "l'assoluta necessita' di utilizzare meglio la finanziaria Veneto Sviluppo per aiutare le imprese del territorio e per assisterle nella ripresa e nel rilancio". Sul fronte della Sanita' il candidato governatore ha ribadito la volonta' di ridurre sensibilmente il numero delle Asl, che da 21 dovranno diventare al massimo 14, due per provincia: "In questo modo non si tagliano i servizi al cittadino. Semplicemente si accorpano gli uffici, si eliminano costose posizioni da direttore e dirigente, e si utilizzano meglio i soldi risparmiati. In Consiglio regionale le persone a me vicine avevano gia' proposto questa soluzione, ma altri hanno preferito rimandare il problema". 
Hellas corsaro, Fiorentina ko al 90esimo
Scritto da red2   
lunedì, 20 aprile 2015 23:33
Colpo del Verona al Franchi. La squadra di Montella perde 1-0 e resta dietro alla Sampdoria in classifica. Grande protagonista del match Rafael, che nel primo tempo salva il risultato su un colpo di testa di Gilardino e al 66' para un rigore a Diamanti. Il gol partita lo segna poi Obbadi al 90', bravo a ribadire in rete una respinta di Neto. In casa Fiorentina apprensione per Babacar, sostituito dopo uno scontro.
Brutte notizia dalla gara del Franchi per Montella. La Fiorentina cade, fallisce il balzo in avanti in classifica e si prepara alla difficile sfida di Europa League col morale basso. Oltre al risultato, infatti, preoccupano le condizioni di Babacar, rimasto in campo solo tre minuti. L'infortunio del senegalese è ancora da valutare, ma arriva comunque in una serata storta per la Viola, che ora deve rivedere i piani per la caccia all'Europa. 
Già l'Europa. Proprio in vista della gara con la Dinamo, Montella mescola le carte e fa riposare i big: Gilardino titolare, Babacar, Salah e Gonzalo Rodriguez in panchina. E l'avvio viola è in sordina. Il Verona pressa alto e non lascia impostare i difensori di Montella. Jankovic ci prova di testa su calcio d'angolo, ma Neto è attento. Si giochicchia fino al quarto d'ora, poi la Fiorentina alza il ritmo. Diamanti prima ci prova dal limite, ma calcia a lato. Poi Lazzari spara da trenta metri e sfiora il palo. Le squadre provano ad affrontarsi a viso aperto, senza però dimenticarsi della fase di contenimento. Il Verona si affida alle sponde di Toni e alla velocità di Jankovic e Gomez, ma non trova la porta. La Viola invece fa densità a centrocampo, prende in mano il gioco e verticalizza rapidamente soprattutto sulla corsia sinistra con Lazzari e Pasqual. Alla mezz'ora si gioca solo nella metà campo veneta e Gilardino costringe Rafael al miracolo. Il Franchi applaude e la squadra di Montella prende coraggio. I viola fanno la partita, tengono palla, ma sono imprecisi. Il Verona invece arretra e alza la barricata, chiudendo tutte le linee di passaggio. E il primo tempo si chiude sullo 0-0. 
Nella ripresa la Fiorentina parte forte. Aquilani ci prova da lontano e sfiora l'incrocio dei pali. Gli uomini di Montella provano a aggredire alti, ma gli ospiti si difendono con ordine e ripartono sulla corsia destra con la coppia Sala-Jankovic, tenendo sempre impegnati Tomovic e Basanta. La Viola non sfonda e Montella gioca la carta Babacar. Il senegalese entra al posto di Ilicic, ma è costretto ad uscire subito dal campo dopo uno scontro di gioco. Lazzari ha sul destro la palla buona al 60', ma è il piede è quello sbagliato e si vede. Dall'altra parte ci prova Toni, ma Neto c'è. Poi Jankovic sbaglia un retropassaggio, Rafael atterra Gilardino e Mazzoleni fischia il rigore. Sul dischetto va Diamanti, ma Rafael è in serata di grazia e salva il risultato. Nel Verona l'unico a tenere alta la squadra è Toni, con Salah in campo la Fiorentina invece ha un altro passo e tenta l'assalto finale. La Viola attacca a testa bassa, ma il bunker veneto regge. Nel finale saltano gli schemi. Squadre lunghe e occasioni a raffica. Da una parte ci prova Salah, dall'altra Obbadi, che poi al 90' colpisce in extremis la Fiorentina dopo una respinta corta di Neto su un tiro di Christodoulopoulos. Un colpo pesante per Montella, che esce dal campo a testa bassa e con tanti pensieri. Ora testa alla Dinamo.
Liberazione, programma celebrazioni per il 70esimo
Scritto da red2   
lunedì, 20 aprile 2015 23:31
Sabato 25 aprile Verona ricorderà il 70° anniversario della Liberazione.
Le celebrazioni inizieranno alle 9.30 con la Santa Messa in piazza Bra, sulla scalinata di palazzo Barbieri. Alle 10.15 seguirà la cerimonia dell’alzabandiera, alla presenza delle autorità civili e militari della città; poi la deposizione delle corone in piazza Viviani, alla targa dei Caduti della battaglia in difesa del palazzo delle Poste e alla Sinagoga, davanti alla targa in memoria della medaglia d’oro Rita Rosani. La cerimonia proseguirà poi in piazza Bra con la deposizione delle corone al monumento ai Caduti di tutte le guerre, al monumento al Partigiano e alla Targa dei Deportati nei campi di sterminio. 
Alle 11.30 prenderà il via la cerimonia alla Gran Guardia, alla quale saranno presenti le principali autorità istituzionali cittadine, con gli interventi del Prefetto di Verona, del Sindaco e del Presidente della Provincia. Seguirà la consegna delle medaglie della città a cittadini veronesi che furono partigiani, deportati o combattenti per la libertà. Successivamente prenderanno la parola il presidente della Consulta Giovanile e i rappresentanti delle nove scuole superiori della città -Messedaglia, Fracastoro, Maffei, Nani Boccioni, Marconi, Copernico, MarcoPolo, Sanmicheli, Ferraris- che hanno aderito al progetto “Verso il 25 aprile: le scuole veronesi riscoprono la Resistenza”. La mattinata si concluderà con l'orazione ufficiale tenuta dal professor Emilio Franzina.
Nel pomeriggio, nella sala convegni della Gran Guardia, con inizio alle ore 16.30, si terrà la proiezione del docufilm “KZ” di Filippo Grilli; interverrà il produttore Giancarlo Grilli. L'evento è promosso dall'Aned.
A seguire, con inizio alle ore 18.30, si terrà la proiezione di “Immagini ritrovate”, filmati d'epoca di Verona e del suo territorio: dai bombardamenti, all'arrivo degli americani, ai primi anni della ricostruzione. I filmati saranno presentati dal regista Mauro Vittorio Quattrina.
Le celebrazioni per il 70° anniversario della Liberazione termineranno alle ore 18, con la cerimonia dell’ammaina bandiera in piazza Bra.
<< Inizio < Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Prossimo > Fine >>

Risultati 13 - 16 di 5884
© 2015 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.