WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB

Fumane, marmista ucciso dal muletto
Scritto da red2   
lunedý, 20 ottobre 2014 21:47
Il dipendente di una ditta di marmi, Ivano Gasparini, 52 anni, è morto in un incidente sul lavoro. L'uomo, dipendente della ditta "Marmi Rosa" di Fumane, in Valpolicella, era alla guida di un'autogru che stava sollevando un muletto: per cause in corso di accertamento il mezzo si è capovolto schiacciando il conducente. Sul posto i Carabinieri della Compagnia di Caprino Veronese e della stazione di Negrar ed i tecnici dello Spisal dell'Ulss 22.
Scontro Tornado, aereo fuori quota
Scritto da red2   
lunedý, 20 ottobre 2014 21:47

L'aereo del capitano Mariangela Valentini, pilota di un tornado del Quarto stormo militare, si trovava ad una altezza diversa da quanto previsto nel programma di volo al momento dell'impatto in volo con l'altro tornato pilotato dal capitano Alessandro Dotto, il 19 agosto scorso in provincia di Ascoli. La procura militare di Verona, competente per territorio, rileva che dagli accertamenti in corso "non c'è corrispondenza con l'altezza pianificata, ma questo non significa che si sia in presenza di una colpa".
La procura militare scaligera sulla tragedia, nella quale morirono anche i due navigatori ha aperto un fascicolo per l'ipotesi di perdita colposa di aeromobile. "Il pilota - spiegano le fonti della procura -, può avere mille ragioni di natura tecnica che lo possono indurre a cambiare l'altezza pianificata. Il pilota al momento del volo deve prendere in considerazione mille cose e può quindi decidere il da farsi".
La procura militare scaligera sottolinea che la magistratura di Ascoli, intestataria dell'inchiesta ordinaria sull'incidente per l'ipotesi di disastro colposo, ha avviato una serie di consulenze tecniche e "solo alla fine si potrà sapere come sono andare le cose e se ci sono eventuali responsabilità. Ci vorrà ancora qualche mese per conoscere i risultati delle perizie".

Amarone, guerra di opinioni
Scritto da red2   
lunedý, 20 ottobre 2014 21:47
"A dispetto di profezie negative, le uve destinate all'appassimento per la produzione di Amarone e Recioto promettono vini di buona qualità".
A dirlo è Marilisa Allegrini, presidente de "Le Famiglie dell'Amarone d'Arte", l'associazione che riunisce undici storiche aziende veronesi, con 2,5 milioni di bottiglie di Amarone d'eccellenza l'anno per un fatturato globale di 160 milioni di euro, l'80% conseguito presso i mercati esteri.
La dichiarazione smentisce quanto dichiarato da altri produttori: le prestigiose cantine Bertani, ad esempio, hanno annunciato che quest'anno non produrranno Amarone proprio per la prevista bassa qualità degli uvaggi
<< Inizio < Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Prossimo > Fine >>

Risultati 1 - 4 di 5459
© 2014 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.