WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB
Spennatori di turisti! PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Pavoni   
giovedì, 21 agosto 2008 20:57
EDITORIALI
  
Oggi l’assessore all'edilizia pubblica del Comune di Verona, Vittorio Di Dio, spiega al quotidiano L'Arena che i prezzi a Verona metteranno in fuga i turisti.
L'assessore, reduce dalle vacanze in Sicilia, esibisce gli scontrini di ristoranti di pesce ad Acireale, Acicastello e Acitrezza, nonché scontrini di caffè, bottigliette d'acqua, bibite gassate e tranci di pizza acquistati in centro a Catania.
Ebbene, l'assessore ha ragione quando sostiene che a Verona "si spennano i turisti".
Qualche esempio.
Agli inizi del 2004 entrare in Arena (o alla Casa di Giulietta o in qualunque altro dei principali monumenti comunali) costava 3 euro.
Oggi costa 6.
Un aumento del 100%: forse all’assessore risultano aumenti simili in qualche altro prodotto o servizio turistico?
Ma questo è solo l’aumento “minimo” deciso dal Comune.
Tutti gli altri sono ben oltre il 100%: sono anzi letteralmente incalcolabili, in quanto passano da zero a costi reali e non possiamo calcolare una percentuale se il prezzo di partenza è zero.
Sempre agli inizi del 2004 i bus turistici parcheggiavano gratis.
Oggi nei parcheggi comunali pagano 15 euro l’ora.
Nel 2004 l’aria era gratis.
Da ottobre i turisti pagheranno pure quella, grazie anche al voto in giunta del citato assessore: ticket di 30 euro solo per entrare in città con un bus turistico.
La tassazione non è ancora iniziata, ma già ne è stato annunciato l’aumento: da primavera il ticket passerà da 30 a 100 euro: + 233%.
Da zero a 100 euro in pochissimo tempo: se fosse un’auto sportiva sarebbe una prestazione formidabile.
Se l’assessore, in vacanza a Catania, oltre a mangiare pesce e tranci di pizza, bere bibite e caffè (non ci ha fatto anche l’elenco di tutti i monumenti che ha visitato, ma forse è una dimenticanza), avesse anche chiesto quanto pesano i servizi comunali siciliani sul turista, o se anche là stanno per inventare la tassa sull’aria, forse il suo ragionamento sarebbe stato più esaustivo.
Alla Provincia che ha iniziato la raccolta di opinioni su “aumenti ingiustificati dei prezzi o disservizi” (vedi la gestione dei parcheggi bus nelle serate di opera) segnaliamo un nome: Comune di Verona, piazza Bra, 1.
< Precedente   Prossimo >
© 2017 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.