Home arrow News, indice arrow cronaca arrow Donna fatta a pezzi, fermati convivente e nipote
WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB
Donna fatta a pezzi, fermati convivente e nipote PDF Stampa E-mail
Scritto da red2   
venerdì, 05 gennaio 2018 22:59
Le indagini avevano puntato su chi le era stato accanto nella vita e chi lo era tuttora. I carabinieri hanno inviduato i presunti responsabili della morte di una donna marocchina uccisa e fatta a pezzi. Il convivente di Khadija Bencheikh, 46 anni, un albanese di 51 anni, e il nipote 27enne di questi, suo connazionale, sono stati fermati. I resi della vittima erano stati trovati il 30 dicembre in un uliveto a Valeggio sul Mincio.
In manette Agim Ajdinaj, che conviveva a Verona con la donna, e di Lisand Ruzhdija, uno studente. I due fermi, firmati dal pm, sono stati notificati ieri sera ai due uomini dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Verona e della Compagnia di Peschiera. Aidinaj è accusato di aver ucciso e fatto a pezzi, probabilmente con una sega, il corpo della compagna, il nipote di aver partecipato alla distruzione del cadavere e di aver poi trasportato nella campagna di Valeggio.
< Precedente   Prossimo >
© 2018 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.