WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB
Hellas brutto ma vincente PDF Stampa E-mail
Scritto da red2   
domenica, 07 maggio 2017 20:15
L'Hellas non gioca bene, ma, a Chiavari, contro l'Entella, porta a casa 3 punti che potrebbero essere determinanti per la promozione.
Parte subito in attacco l’Entella: al 2° un tiro di Catellani viene respinto da Nicolas, poco dopo è caputo che scatta sul filo del fuorigioco, resiste all’attacco di Romulo, salta anche il portiere, ma da posizione defilata non riesce a sbloccare il risultato. Parziale che cambia due minuti dopo con una bella azione sulla sinistra, Bessa prende palla e calcia nell’angolino lontano, dove Iacobucci non arriva. Sul tiro c’è, però una deviazione che trae in inganno l’estremo difensore chiavarese.
La difesa chiavarese rimane negli spogliatoi, e i gialloblù ne approfittano. Al 10° siamo già 0-2. Luppi guadagna un calcio d’angolo dalla destra, tutti fermi e Pisano inzucca senza neanche dover saltare. La reazione biancoceleste arriva al 14° con una conclusione di Palermo dal limite dell’area sugli sviluppi di una punizione di Catellani, ma la palla si alza in curva. Dopo lo shock iniziale, la Virtus prende campo e al 25° si rivede in attacco con la conclusione di Palermo che dal limite ci prova a giro, senza fortuna.
L’Entella fa gioco, ma l’Hellas ogni volta che si avvicina alla porta dei biancocelesti è pericoloso, come al 30° con Siligardi che calcia basso da dentro l’area, ma trova la deviazione della difesa ligure. Tocca al giovane Zaniolo provarci al 40°, ma il suo sinistro di prima intenzione centra in pieno  Caracciolo. Ancora Siligardi si fa vedere al 42° con un bel sinistro radente dal limite che esce di poco alla sinistra della porta di Iacobucci. Entella che perde sovente palla su palle semplici e il Verona ha gioco facile a mantenere il doppio vantaggio.
La ripresa si apre con un tiro in diagonale di Caputo, facile da parare per Nicolas. Poco dopo, al 6° Ceccarelli sfiora l’eurogol su calcio d’angolo con un destro al volo che sfiora il palo alla sinistra del portiere. Al 12° Fossati atterra Catellani in area, rigore netto e dal dischetto Caputo non sbaglia, siglando la sua diciottesima marcatura stagionale e rilanciando le speranze dei chiavaresi. La rete rianima i padroni di casa, che provano a sfruttare il momento positivo cercando il pareggio, ma soprattutto tenendo un buon ritmo con un possesso di palla continuo e insistito.
Al 19° Pecchia corre ai ripari sostituendo l’impalpabile Luppi con Troianiello. La pioggia battente rende il campo scivoloso e il Verona rallenta puntando tutto sul contropiede, mentre la Virtus aumenta il possesso palla. Al 31° si rivede la formazione ospite con un colpo di testa di Siligardi che esce ampiamente. Poi Castorina inserisce Moscati per Ardizzone, e Diaw per Zaniolo giocandosi così il tutto per tutto.
Nel finale di gara la partita è spezzatata e contraddistinta dai freqenti fischi arbitrali con i veronesi che usano tutta la loro esperienza per rallentare il gioco dell’Entella. L’ultima carta che si gioca Castorina è Tremolada che entra al 45° quando il quarto uomo indica quattro minuti di recupero. Proprio sul corner calciato da Tremolada, Caputo colpisce di testa, ma non inquadra la porta. Una brutta entrata, anche se probabilmente involontaria di Di Paola costa al centrocampista biancoceleste il rosso diretto.
Finisce 1-2 con il Verona che vince giocando in modo cinico e poco spettacolare, ma conserva il secondo posto in classifica. 
< Precedente   Prossimo >
© 2017 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.