Home arrow News, indice arrow Lettere dei Lettori arrow Autostrada A4, altra occasione mancata per Verona
WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB
Autostrada A4, altra occasione mancata per Verona PDF Stampa E-mail
Scritto da Michele Bertucco   
mercoledì, 03 maggio 2017 21:40

LETTERE DEI LETTORI

Abertis ha annunciato l’accordo per acquisire dai soci pubblici residui un’ulteriore quota in A4 Holding e salire così all'85,36% del capitale. Questo significa che supererà la fatidica soglia dei due terzi della proprietà, oltre la quale – come avvertivano gli uffici comunali qualche tempo fa – gli spagnoli avranno mano libera sulle decisioni, anche statutarie, senza dovere rendere conto a nessun socio.
A questo punto il Comune di Verona è forse l’unico tra i soci pubblici dell’A4 a ritenere, per volontà del Sindaco e contro la valutazione dei tecnici comunali, ancora strategica la partecipazione in A4 e a non vendere nemmeno un’azione. Si tratta di una posizione molto rischiosa in quanto per Abertis, una volta raggiunto l’obbiettivo, sarebbe un gioco da ragazzi costringerci a svendere. Cosa ci trattiene ancora in A4 a parte la prestigiosa poltrona del Sindaco, messo a capo della società concessionaria Brescia- Padova?
La mancata vendita delle nostre azioni, che avrebbe fruttato quasi 26 milioni di euro da investire in opere pubbliche, è tanto più pesante dal momento che Verona vive un evidente paradosso: mentre nelle altre altre città si prende in considerazione l’ipotesi dei project finacing quando le casse comunali non sono più in grado provvedere alle necessarie opere pubbliche, noi facciamo il contrario: tagliamo le opere pubbliche per finanziare i project financing, come di recente accaduto sull’Arsenale. Uno dei tanti paradossi di questa amministrazione che da 10 anni tiene bloccata la città dal punto di vista amministrativo.

Michele Bertucco
onsigliere comunale e candidato a Sindaco di Verona con le liste Verona in Comune e Sinistra in Comune

< Precedente   Prossimo >
© 2017 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.