WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB
Traforo, come la tela di Penelope PDF Stampa E-mail
Scritto da Michele Bertucco   
venerdì, 17 marzo 2017 20:29

LETTERE DEI LETTORI

Come la tela di Penelope, Technital, capofila della cordata di imprese aggiudicatarie il project del Traforo delle Torricelle, ha comunicato al Comune di essere al lavoro per il rinnovo della fidejussione, ormai in scadenza, e per la ricostruzione dell’Ati che, come è noto, da riscontri degli uffici comunali risulta priva dei requisiti necessari.
E’ questo l’effetto dell’ennesimo rinvio, fino al 30 marzo, concesso dal Sindaco, il quale ormai gareggia apertamente con i tecnici comunali che invece hanno già avviato il procedimento per la revoca della concessione e l’escussione della cauzione di 8 milioni di euro.
Si tratta forse dell’ultimo disperato tentativo, tutto politico, di prendere altro tempo per non dover dichiarare proprio a ridosso della campagna elettorale il decesso di un progetto che nella realtà dei fatti è morto e sepolto già da un pezzo.
Al di là dei tentativi di rimettersi in regola sul piano formale e burocratico, resta il fatto che che della tanto invocata nuova proposta di project finacing – attesa da ormai 3 anni – non c’è alcuna traccia, ed è difficile ipotizzare che possa comparire come d’incanto da qui al 30 marzo. D’altro canto è assodato che i vincitori del bando del 2008 (quindi non ieri) non hanno alcuna intenzione di realizzare il traforo così come prevedeva in origine il disciplinare di gara, per il semplice fatto che il progetto è economicamente insostenibile.
Queste ultime forzature dal parte del Sindaco si svolgono dunque sul filo della legalità, e non è escluso che le pressioni della Corte dei Conti, da noi puntualmente informata sugli sviluppi di questa clamorosa vicenda, induca i dirigenti comunali nel giro di qualche giorno a rompere definitivamente gli indugi e a respingere ogni altra pretesa dilatoria del Sindaco o dell’impresa. Alla città spettano 8 milioni di euro con i quali, tra le altre cose, si dovrà trovare una soluzione anche al guaio dei mancati espropri.

Michele Bertucco, Verona Piazza Pulita
< Precedente   Prossimo >
© 2017 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.