Home arrow News, indice arrow cronaca arrow Immigrati a San Zeno, petizione contro centro accoglienza
WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB
Immigrati a San Zeno, petizione contro centro accoglienza PDF Stampa E-mail
Scritto da red2   
lunedì, 27 febbraio 2017 22:35
Il Sindaco Flavio Tosi ha incontrato oggi pomeriggio, a Palazzo Barbieri, un gruppo di residenti del quartiere di San Zeno, firmatari della petizione, indirizzata al Prefetto di Verona, contro l’apertura del Centro di accoglienza straordinario in via Pontida.
“Nel giro di qualche settimana – ha spiegato Tosi – sono state raccolte dai cittadini circa 621 firme di residenti e commercianti del quartiere che chiedono al Prefetto di sospendere la realizzazione di una casa di accoglienza nell’immobile di via Pontida, di proprietà della Prefettura: uno stabile che, dalle verifiche di nostra competenza, risulta destinato ad uffici pubblici e non a civile abitazione. Come Amministrazione comunale speriamo che ci sia da parte della Prefettura la volontà di ascoltare i cittadini e di risolvere questo problema con il buonsenso e dopo un confronto tra Istituzioni. Nel quartiere di San Zeno, infatti, ci sono già dei luoghi adibiti all’ospitalità, come la mensa dei frati di San Bernardino e il Giardino d’Estate vicino Porta San Zeno, non è il caso di appesantire la situazione di una zona cittadina che tra l’altro, per la vicinanza con i bastioni, è già esposta ad episodi di degrado e microcriminalità, come risulta dai report dei vigilanti presenti nei parchi comunali. Alla luce di questa petizione chiederemo quindi al Prefetto un incontro per far presente le preoccupazioni dell’Amministrazione e dei cittadini e chiedere una soluzione alternativa”.
< Precedente   Prossimo >
© 2017 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.