Home arrow News, indice arrow editoriali arrow Lega, tricolore castrato e padanizzato
WebCam Arena
webcam
powered_by.png, 1 kB
Lega, tricolore castrato e padanizzato PDF Stampa E-mail
Scritto da Alberto Pavoni   
venerdì, 05 novembre 2010 02:37

EDITORIALE

Il Pdl in consiglio regionale veneto, in occasione del 4 novembre, ha distribuito in aula a tutti i consiglieri la bandiera italiana.
I tricolori sono stati stesi sui banchi, ma la Lega Nord ha disposto la bandiera ripiegata in modo da far vedere di fatto solo la parte verde.
Continua così la strategia di partito di opposizione e di governo, tutto insieme, della Lega: governa (con il PDL), ma sgambetta spesso e volentieri gli alleati.
Governa il Paese, ma allude alle secessione (quando non ne parla esplicitamente).
Nelle stesse ore in cui i leghisti in Regione facevano un origami del tricolore per tramutarlo in vessillo padano, castrando il significato della bandiera nazionale nel giorno dell'Unità per padanizzare il verde, il sindaco leghista di Verona presenziava in Bra alla cerimonia del 4 novembre, tra gran sventolio di bandiere italiane, messe anche ad ornare il palazzo comunale.
Si può definire contraddizione o, a piacere, con il suo sinonimo: coerenza leghista.
< Precedente   Prossimo >
© 2017 infoverona.it
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.